Itinerari naturalistici

bosco CerritaSant’Alfio offre al visitatore uno scenario naturalistico di grande interesse, e non è affatto difficile avventurarsi in alcune escursioni dove i nostri occhi non si stancheranno mai di ammirare lo splendore della natura circostante. Naturalmente, l’Etna ed il suo habitat costituiscono gli elementi fondamentali affinché le escursioni possano diventare indimenticabili.

Fra quelle praticabili segnaliamo: In auto al bosco Cerrita a metri 1360 così chiamato perché costituito essenzialmente da Cerri, una particolare quercia che solo in questa zona dell’Etna diventa bosco, e al Rifugio Citelli costruito a 1740 di quota sulla cima del Monte Concazze. Dal Rif.

Rifugio CitelliA piedi possono nascere diverse escursioni dalle più semplici come quella vicino ai Monti Sartorius circondati alla Base da splendidi boschi di Betulla aetnensis a quelli di media difficoltà come l’escursione verso Rocca della Valle con suggestiva visione della Valle del Bove, o verso Pizzo Deneri, o fin sopra al cratere centrale.

Da Sant’alfio dipartono altri numerosi itinerari accessibili praticamente a tutti.

GROTTA DEI LADRI, 1547 m DAGALA DELLO ZIO PEPPE, 1565 mGROTTA DEI LADRI, 1547 m DAGALA DELLO ZIO PEPPE, 1565 m

Scheda:

  • LOCALITA’ DI PARTENZA: GROTTA DEI LADRI
  • LOCALITA’ DI ARRIVO: SP “MARENEVE” vicino al bivio per il Rifugio Citelli
  • LUNGHEZZA: 3 km
  • DURATA: 1 ora
  • GRADO DI DIFFICOLTA’: FACILE

Breve descrizione:

“Grotte a la neige”, così chiamava l’attuale Grotta dei Ladri il grande viaggiatore e pittore

estemporaneo del 700 Jean Houel nel suo “Voyage de la Sicile, de Malta et de Lipari” e ancora, l’antico sentiero di Turi della Nina e la lenza (dagala) dello zio Peppe, capraio amante della montagna e della solitudine, devotissimo della Madonna; sono questi i motivi salienti della bella passeggiata compresa tra le betulle di Piano delle Donne e l’imponente colata lavica del 1865.

RIFUGIO CITELLI, 1747 m GROTTE SERRACOZZO, 1750 m RIFUGIO CITELLIRIFUGIO CITELLI, 1747 m GROTTE SERRACOZZO, 1750 m RIFUGIO CITELLI

Scheda:

  •  LOCALITA’ DI PARTENZA: piazzale RIFUGIO CITELLI
  •  LUNGHEZZA: 6 km (il ritorno avviene sullo stesso percorso dell’andata)
  •  DURATA: 3 ore
  •  GRADO DI DIFFICOLTA’: MEDIO/DIFFICILE

Breve descrizione:

Questo itinerario svolgendosi a quote medio/alte su tratti non sempre segnati costituiti da fondi prevalentemente sabbiosi e rocciosi, dà l’idea, almeno nella prima parte, di come potrebbe essere una eventuale e più impegnativa escursione ai crateri sommitali.

Molto interesse suscita il cambiamento del paesaggio con la betulla che cede via via il passo ai cuscinetti di astragalo e alle altre piantine endemiche, ormai le uniche colonizzatrici dell’imminente deserto vulcanico.

Altrettanto avvincente ed interessante sarà percorrere un tratto della grotta di scorrimento lavico di contrada Serracozzo generata dalla catastrofica colata del 1971, la stessa, per intenderci, che tenne col fiato sospeso gli abitanti di Fornazzo e Sant’Alfio.

PIANO DELLE DONNE, 1659 m – MONTI SARTORIOUS, 1765 m – CASE FICHERA, 1712 m PIANO DELLE DONNE, 1659 m – MONTI SARTORIOUS, 1765 m – CASE FICHERA, 1712 m

Scheda:

  • LOCALITA’ DI PARTENZA: PIANO DELLE DONNE
  • LOCALITA’ DI ARRIVO: piazzale MONTE BARACCA, 1685 m
  • LUNGHEZZA: 5 km
  • DURATA: 3 ore
  • GRADO DI DIFFICOLTA’: MEDIO

Breve descrizione:

L’attrazione di questo percorso, che si snoda lungo un sentiero predisposto dall’Ente Parco dell’Etna, è senza dubbio la betulla. Tale albero, dalla singolare corteccia bianca, capitato qui dopo l’ultima glaciazione, ha sviluppato dei caratteri particolari tanto da essere considerato una specie endemica (Betula aetnensis) e nel Sud, a parte la piccola colonia esistente sul Vesuvio, è presente solo sull’Etna.

Altre peculiarità sono rappresentate dall’apparato eruttivo dei Monti Sartorious disposto a “bottoniera” e dalla vicinissima pineta di Linguaglossa famosa per la presenza del pino laricio.

RIFUGIO SERRA BUFFA, 1285 m – BOCCHE ERUTTIVE DI RIPE DELLA NACA, 1195 m – CHIESETTA MAGAZZENI, 1017 m RIFUGIO SERRA BUFFA, 1285 m – BOCCHE ERUTTIVE DI RIPE DELLA NACA, 1195 m – CHIESETTA MAGAZZENI, 1017 m

Scheda:

  • LOCALITA’ DI PARTENZA: piazzale SERRA BUFFA, 1366 m
  • LUNGHEZZA: 6 km
  • DURATA: 3 ore
  • GRADO DI DIFFICOLTA’: FACILE

Breve descrizione:

Piacevole e rilassante escursione nel bosco della Cerrita (unica zona etnea in cui il Cerro assurge alla condizione di bosco) passando per un tipico ovile e per il rifugio di Serra Buffa, e dalle bocche eruttive di Ripe della Naca, le cui lave distrussero l’antica Mascali. La meta finale è la piccola chiesa di contrada Magazzeni molto cara alla memoria dei Santalfiesi. La chiesetta, di recente costruzione, sorge infatti proprio nel luogo dove, il 3 novembre 1928, la lava che minacciava Sant’Alfio, per intercessione dei Santi protettori Alfio, Cirino e Filadelfo le cui sacre reliquie furono ivi portate in processione, ebbe miracolosamente fine. Da allora, lo stesso giorno di ogni anno, si perpetua il tradizionale pellegrinaggio di ringraziamento.

RIFUGIO CITELLI, 1747 m – ROCCA DELLA VALLE, 2738 m – PIZZI DENERI, 2847 m – RIFUGIO CITELLI (volendo si può proseguire per Piano Provenzana scendendo per la comoda sterrata di servizio)RIFUGIO CITELLI, 1747 m – ROCCA DELLA VALLE, 2738 m – PIZZI DENERI, 2847 m – RIFUGIO CITELLI (volendo si può proseguire per Piano Provenzana scendendo per la comoda sterrata di servizio)

Scheda:

  • LOCALITA’ DI PARTENZA: Piazzale RIFUGIO CITELLI
  • LOCALITA’ DI ARRIVO: OSSERVATORIO VULCANOLOGICO, 2818 m
  • LUNGHEZZA: 9 Km circa (andata e ritorno)
  • DURATA: 6 ore
  • GRADO DI DIFFICOLTA’: DIFFICILE (solo per escursionisti esperti)

Breve descrizione:

Come per l’itinerario 2, bisogna seguire il sentiero che, attraverso un bosco misto di betulle, faggi, pini e ginestre, giunge in breve ad un tipico ovile abbandonato; qui ha inizio la ripida ascesa che ci condurrà dapprima a Rocca della Valle con l’impareggiabile scenario offerto dalla Valle del Bove (l’enorme caldera di sprofondamento completamente ricoperta di lave) e, successivamente ai 2847 metri dei Pizzi Deneri, dove un panorama davvero mozzafiato, che va dalla Plaja di Catania alle Isole Eolie sul Tirreno, ci ripagherà della fatica della salita.

Dopo la meritata sosta sul bel terrazzo dell’Osservatorio vulcanologico (purtroppo chiuso agli escursionisti) e l’ultimo sguardo al paesaggio sottostante, sarà bene prendere la via del ritorno magari saltellando piacevolmente per uno dei tanti canaloni sabbiosi che convergono su Monte Frumento per poi ricongiungerci, più in basso, al sentiero dell’andata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*